Albo Pretorio on line

 PEC

Sostegno per l'Inclusione Attiva (S.I.A.)

Fatturazione Elettronica

Cambio di Residenza

Autocertificazione Online

Calcolo IMU

Elenco Professionisti

Sportello Unico per le Attività Produttive

Con tale link si assolve all’obbligo di pubblicazione della nuova modulistica edilizia unificata e standardizzata

Amministrazione Trasparente

Anticorruzione L.190/2012

AREA RISERVATA

Accesso alla Posta Elettronica Istituzionale

Accesso alla Posta Elettronica Certificata

Accesso alla Firma Digitale

RSS di Ultima Ora - ANSA.it

Notizie non disponibili

Notiziario

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA 2012
Data pubblicazione : 01-06-2012

 

COMUNE DI ALBI

PROVINCIA DI CATANZARO

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO 2012

 

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

Visto l’art. 13 del D.L. 06.12.2011, n. 201, convertito in L. 22.12.2011, n. 214 e successive modificazioni ed integrazioni;

Visto il D.Lgs. 14.03.2011, n. 23;

Visto l’art. 1, commi 161-170, della L. 27.12.2006, n. 296;

Visto l’art. 4 del D.L. 02.03.2012, n. 16, convertito con modificazioni in L. 26.04.2012, n. 44;

INFORMA

che entro il 18 GIUGNO 2012 deve essere effettuato il versamento della prima rata dell’Imposta Municipale Unica (I.M.U.) dovuta per l’anno d’imposta 2012.

Soggetti passivi: Sono tenuti al pagamento dell’imposta tutti i possessori di immobili siti sul territorio comunale. Sono soggetti passivi il proprietario o il titolare del diritto

di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi o superficie sull’immobile. Nel caso di leasing, soggetto passivo è il locatario, dalla data di stipula del contratto e per tutta la sua durata.

Nel caso di concessioni di aree demaniali, soggetto passivo è il concessionario.

Immobili soggetti all’imposta: l’imposta è dovuta per tutti gli immobili posseduti, eccetto i terreni agricoli montani o parzialmente montani ed i fabbricati rurali ad uso

strumentale (cat D/10), nonché gli altri immobili esenti dall’imposta ai sensi dell’art. 9, c. 8, D.Lgs 23/2011.

Base imponibile:

- Fabbricati iscritti in catasto: rendita catastale, vigente al 1° gennaio dell’anno d’imposizione, rivalutata del 5%, con applicati i seguenti moltiplicatori, diversi a

seconda della categoria catastale del fabbricato:

Cat. A (no

A/10)

 

160

Cat. A/10

80

Cat. B

140

Cat.

C/1

 

55

 

Cat. C/2-C/6-

C/7

 

160

Cat. C/3-C/4-

C/5

 

140

Cat. D (no

D/5)

 

60

Cat.

D/5

 

80

 

 

Valore imponibile = rendita catastale x 1,05 x moltiplicatore

- Fabbricati di categoria D non iscritti in catasto, interamente appartenenti ad imprese, distintamente contabilizzati: valore contabile, calcolato secondo le modalità

dettate dall’art. 5, comma 3, del D.Lgs 504/92;

- Aree fabbricabili: valore stabilito dall’Ente con deliberazione di Consiglio Comunale e disponibili sul sito Internet dell’Ente;

- Terreni agricoli: reddito dominicale vigente in catasto al 1° gennaio dell’anno di imposizione, rivalutato del 25%, moltiplicato per il coefficiente 135 (ridotto a 110

per i terreni agricoli ed incolti posseduti e condotti da coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola). In merito alla base

imponibile di terreni diversi da quelli agricoli e da quelli edificabili (non pertinenza di fabbricati) non è chiara la disposizione di legge.

Aliquote: Si riportano le aliquote del tributo stabilite dall’art. 13 del D.L. 201/2011 e fissate dall’Ente

Fattispecie

Aliquota statale

Abitazione principale e pertinenze

0,4%

Fabbricati rurali ad uso strumentale

0,2%

Tutti gli altri immobili

0,76%

 

 

Le aliquote sopra riportate sono da impiegare per il calcolo della rata di giugno e dell’eventuale rata di settembre. Le aliquote definitive del tributo, da applicare per il calcolo

dell’imposta annuale per determinare il saldo del mese di dicembre, saranno definitivamente stabilite solo dopo il 10/12/2012, per effetto delle possibili modifiche decise dallo

Stato e dal Comune, a norma dell’art. 13, c. 12 bis, D.L. 201/2011.

Ai fini del tributo è abitazione principale il fabbricato iscritto o iscrivibile in catasto come unica unità immobiliare in cui il proprietario ed il suo nucleo familiare

dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Sono pertinenze le unità immobiliari esclusivamente classificate nelle categorie catastali C/2-C/6-C/7, nel limite

massimo di una unità pertinenziale per ciascuna delle categorie indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all’unità ad uso abitativo.

Detrazione: per l’unità immobiliare adibita ad abitazione principale compete una detrazione di imposta di € 200,00, da rapportare al periodo dell’anno durante il quale si

protrae tale destinazione e da suddividere in parti uguali tra i soggetti passivi per i quali l’unità immobiliare è abitazione principale. Compete inoltre una maggiorazione della

detrazione di € 50,00 per ogni figlio di età inferiore a 26 anni, dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell’abitazione principale, fino ad un massimo di € 400.

La detrazione e la maggiorazione spettano fino a concorrenza dell’imposta dovuta sull’abitazione principale e relative pertinenze.

Per i terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, si applica una riduzione dell’imposta,

nelle misure stabilite dall’art. 13, comma 8-bis, del D.L. 201/2011.

Calcolo dell’imposta: il calcolo dell’imposta deve effettuarsi applicando alla base imponibile come sopra determinata l’aliquota e l’eventuale detrazione (nel caso di

abitazione principale e pertinenze). L’imposta è dovuta in proporzione alla quota di possesso ed ai mesi dell’anno nei quali si è protratto il possesso, considerando per intero il

mese in cui il possesso si è protratto per almeno 15 giorni. Sull’imposta dovuta per tutti gli immobili diversi dall’abitazione principale e pertinenze e dai fabbricati rurali

strumentali deve calcolarsi la quota statale, pari al 50% del tributo determinato applicando l’aliquota statale di base (per ulteriori ipotesi di esclusione vedere art. 13, c. 10,

D.L. 201/2011).

L’importo della prima rata, scadente il 18/06/2012, è pari:

- abitazione principale e relative pertinenze, a scelta del contribuente,

ad 1/3 dell’imposta calcolata applicando l’aliquota e la detrazione stabilite dallo Stato sopra indicate (in questo caso è necessario versare anche la rata scadente il

17/09/2012);

al 50% dell’imposta calcolata applicando l’aliquota e la detrazione stabilite dallo Stato sopra indicate;

- fabbricati rurali strumentali, al 30% dell’imposta determinata applicando l’aliquota sopra indicata;

- per tutti gli altri immobili, al 50% dell’imposta calcolata applicando l’aliquota e la detrazione stabilite dallo Stato, sopra indicate.

Solo per i fabbricati rurali iscritti al catasto terreni, da denunciare al catasto fabbricati entro il 30/11/2012, l’imposta è versata in un’unica soluzione entro il 17/12/2012.

Prima di eseguire il versamento dell’imposta del mese di dicembre si invita a verificare le aliquote definitive vigenti, sulla base di quanto stabilito dal Comune e dallo Stato.

Le aliquote vigenti sono state pubblicate sul sito del MEF e sono disponibili sul sito del comune. Eventuali aggiornamenti dell’imposta saranno rese pubbliche sul sito

internet del Comune.

Pagamento: il versamento dell’imposta deve eseguirsi esclusivamente a mezzo modello F24 (sezione IMU e altri tributi locali), utilizzando i codici tributo sotto indicati.

Il codice Comune da indicare è A155. Nel versamento è necessario DISTINGUERE la quota Comunale da quella Statale. L’importo da versare deve essere arrotondato

all’euro inferiore o superiore. Non è dovuto il versamento se l’imposta dovuta per l’intero anno è inferiore a € 4,00

Tipologia immobili

Codice IMU quota

Comune

Codice IMU quota

Stato

Abitazione principale e pertinenze

3912

=====

Fabbricati rurali strumentali

3913

=====

Terreni

3914

3915

Aree fabbricabili

3916

3917

Altri fabbricati

3918

3919

 

Dichiarazione: I contribuenti sono tenuti a presentare la dichiarazione entro 90 giorni dalla data in cui ha avuto inizio il possesso degli immobili o sono intervenute

variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta, utilizzando il modello approvato con apposito decreto ministeriale. Per gli immobili per i quali l’obbligo

dichiarativo è sorto dal 1° gennaio 2012, la dichiarazione deve essere presentata entro il 30/09/2012. Per maggiori informazioni:

Comune di - Ufficio Tributi - indirizzo. Via Serra n.3

E-mail: ufficio.ragioneria@comune.albi.cz.it Tel. 0961/022404 – sito internet: www.comune.albi.cz.it

Albi, li 30 maggio 2012

 

Il Funzionario Responsabile

M. Elisabetta Parrotta

 

 

indietro

Comune di Albi

P. IVA 01210140792 - C.F. 80002220798

Tel. 0961/923303 - Fax: 0961/921109

Via Serra, 1 88055 Albi (CZ)

Sito ottimizzato per Mozilla Firefox e Google Chrome

 

I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Navigando su questo sito accetti il loro utilizzo.     Informazioni

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.301 secondi
Powered by Asmenet Calabria